Storia e curiosità di Colombia-Costa d'Avorio

Storia e curiosità di Colombia-Costa d'Avorio

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
 di Oreste Giannetta articolo letto 2207 volte

Prima assoluta tra Colombia e Costa d’Avorio, le squadre che si contendono il predominio del Gruppo C dopo i rispettivi successi nella prima giornata. Chi vince ha più di un piede negli ottavi di finale che se per gli ivoriani sarebbero un’impresa, visto che non ci sono mai andati, per la Colombia sarebbe comunque un ritorno al passato glorioso di Valderrama e Higuita, quando li conquistarono a Italia 90.

La Costa d’Avorio è la terza squadra africana che i Cafeteros affronteranno in Coppa del Mondo e i precedenti sono contrastanti. Nel 1990 giocano la partita più importante della loro storia mondiale, l’ottavo di finale contro il Camerun, e la perdono ai supplementari cadendo sotto i colpi di Roger Milla, impietoso nell’approfittare delle leggerezze del portiere Higuita. Otto anni dopo contro la Tunisia, invece, arriva la vittoria per 1-0 con la rete nel finale di Léiter Preciado, attaccante che proprio in quell’estate sbarcherà nella Liga, lasciando però poche tracce. Lasceranno poche tracce in quel mondiale anche i colombiani, eliminati al primo turno dopo la successiva sconfitta contro l’Inghilterra.

Per la Costa d’Avorio, invece, la sfida contro formazioni sudamericane è ormai un abitudine, visto che questa è la terza partecipazione e sempre ha affrontato squadre di questo continente, perdendo in entrambi i precedenti. Va detto, però, che nelle due occasioni passate ha affrontato le due big per eccellenza, Argentina e Brasile, non sfigurando in entrambi i casi e anzi andando sempre in gol. Stavolta, contro un avversario alla sua portata come la Colombia, potrà cercare un successo che dopo aver battuto il Giappone aprirebbe le porte del paradiso calcistico a Drogba e compagni.